Consigli per aumentare l’autostima - Eccomi Mamma
Semplicemente donna
Consigli per aumentare l’autostima

Consigli per aumentare l’autostima

Consigli per aumentare l’autostima

Sono tantissime le persone che si chiedono come aumentare l’autostima. Prima di entrare nel vivo dei consigli su come incrementarla, è importante capire di cosa si parla quando la si chiama in causa. Autostima è un concetto complesso che si basa sul fatto di apprezzare la propria persona a 360°, riconoscendo i propri limiti e abbracciandoli come un fattore di ricchezza.

Per arrivare a questo punto, è necessario passare da diversi step. Ciascuno ha il suo percorso, ma non si può negare l’esistenza di alcuni consigli che possono essere definiti validi a livello generale. Scopriamone assieme alcuni nei prossimi paragrafi dell’articolo!

Inquadra i tuoi bisogni

Siamo troppo abituati a sentirci sopraffatti dai bisogni altrui - siano essi familiari piuttosto che colleghi di lavoro - da dimenticarci spesso dei nostri. Ciò può portare, a lungo andare, a stimarsi poco proprio per via del fatto di essersi messi in secondo piano. Alla luce di ciò, è importantissimo fermarsi e ascoltarsi.

Farlo può voler dire, per esempio, scoprire che si sente la necessità di tornare in forma. In questi frangenti, per non incorrere in problematiche che possono impattare fortemente a livello emotivo, è cruciale rivolgersi a professionisti qualificati e non improvvisare (per chi si trova in Veneto, un ottimo punto di riferimento è la ricerca di un nutrizionista a Padova ).

 

Soffermati sulla tua unicità

Viviamo in una società che ci sobilla con gli inviti a paragonarci con gli altri. L’utilizzo tossico dei social è una chiara dimostrazione di ciò. Per aumentare l’autostima, la cosa giusta da fare, invece, è soffermarsi sulla propria unicità.

Un buon esercizio può essere quello di fermarsi un attimo e di dedicare del tempo alla scrittura della propria storia, magari dandosi un limite di lunghezza.

In questi frangenti, può capitare di accorgersi di avere da narrare - anche con obiettivi di ispirazione - molto più di quanto si possa lontanamente immaginare all’inizio.

L’importanza del dialogo interno

Ai fini dell’autostima, il dialogo interno conta tantissimo. Anche e non siamo sempre abituati a farlo, è cruciale iniziare a parlarsi con la medesima gentilezza con la quale ci si rivolge agli altri, sia nel lavoro, sia nella vita privata.

Anche i successi piccoli contano

Quelli che per altri possono sembrare traguardi piccoli, se visti da un’altra prospettiva assumono peculiarità molto diverse. Giusto per fare un esempio, ricordiamo i casi in cui, nel contesto lavorativo, si riesce a coinvolgere maggiormente in un progetto un collega che sta vivendo un momento difficile.

Non è certo qualcosa di paragonabile all’avvio di un’azienda da zero, ma si tratta comunque di un atto che è riuscito a cambiare la vita di qualcuno, di un piccolo - grande successo che deve contribuire ad aumentare l’autostima di chi lo ha trasformato in realtà.

Instaura relazioni nutrienti

Altro consiglio molto prezioso per lavorare bene sull’aumento dell’autostima consiste nell’instaurare relazioni nutrienti. Attenzione: non si parla assolutamente di rapporti in cui non è presente uno scambio di critiche.

Queste ultime devono essere considerate come uno spunto di crescita. Il termine in questione è la parola chiave: che si tratti di relazioni sentimentali piuttosto che di amicizia o di lavoro, deve essere presente la volontà di crescere e di migliorare assieme.

Imposta degli obiettivi chiari e premiati quando li raggiungi

Molte volte, ci si lascia dominare dai cali di stima perché si fanno azioni senza avere degli obiettivi di qualità. Ciò accade perché non li si sa stilare bene.

Un buon obiettivo deve avere una scadenza nel tempo, deve essere compatibile con i valori della persona, deve portare a un risultato che sia percepibile con i sensi - sì, anche a livello di benessere interiore - deve dipendere dalla volontà della persona.

Una volta che il goal è stato raggiunto, è opportuno premiarsi. La gratificazione, infatti, è uno strumento potentissimo di crescita e di sviluppo della consapevolezza.

Come estrarre e conservare il latte materno
Come estrarre e conservare il latte materno Estrazione e conservazione del latte maternoEstrarre il latte significa spremere il latte dal seno in modo da poterlo conservare e somministrarlo al tuo bambino in seguito. Potresti voler estrarre il latte se: devi stare lontano dal tuo bambino, ad esempio, perché il tuo bambino è in cura ...
TEST DI GRAVIDANZA: QUANDO FARLO?
TEST DI GRAVIDANZA: QUANDO FARLO? Per fare una diagnosi di gravidanza possiamo utilizzare sia un test sulle urine che un prelievo ematico. Entrambi vanno a dosare il libello delle BHCG, un ormone rilevabile solo se la donna è incinta perché prodotto dalla porzione che darà vita alla placenta la cui sintesi inizia con ...
Cosa usare se il mio bambino suda tanto
Cosa usare se il mio bambino suda tanto Buongiorno, scusate mamme ma anche i vostri cuccioli sudano tanto? Il mio piccolo ha tutti puntini rossi sotto il collo e sulle braccine qualcuno ha risolto in qualche modo.. già provato il talco che funziona ben poco.. per il bagnetto uso 100% amido di ...
Le informazioni presenti nel sito in nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.
Ricordiamo a tutti i visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.
Facebook
Instagram
Youtube
TikTok
P.Iva 07143761216
Policy Privacy - Policy Cookies
Copyright © 2024 Tutti i diritti sono riservati
Realizzato da NapoliWeb Srl - Web Agency Napoli